Un albero per ogni studente di Alghero, la proposta degli ambientalisti per Maria Pia

Un albero per ogni studente di Alghero, la proposta degli ambientalisti per Maria Pia

La proposta delle associazioni ambientaliste per Maria Pia.

Le associazioni ambientaliste WWF, GriG, Italia Nostra e Lipu lanciano una proposta per la zona Maria Pia di Alghero: piantare un albero per ogni studente delle scuole cittadine di ogni ordine e grado.

“Maria Pia è dei cittadini e ad essi deve essere destinata: un bene comune per le presenti e future generazioni. In questa prospettiva si inserisce la nostra proposta che deve rappresentare l’inizio del risarcimento verde, per la città di Alghero in considerazione dell’assenza di adeguati standards urbanistici di spazi verdi all’interno della città“, commentano le associazioni.

Infatti un recente studio calcola in 57.800 metri quadrati l’esigua quantità del verde pubblico di Alghero comprendendo 11 aree: dai Giardini Man- no (14 mila mq) sino a Piazza Maria Carta (700 mq). Ipotizzando una popolazione estiva di 80 mila persone si ricava che ogni abitante di Alghero dispone di 0,7 metri quadrati, mentre in inverno, con 40 mila abitanti, la superficie è di 1,4 mq per abitante. Mentre la media nazionale è di 31,5 mq.

La proposta nasce dal presupposto che l’area è un bene comune sul quale devono essere piantati migliaia di alberi iniziando con la messa a dimora di un albero per ogni studente delle scuole cittadine di ogni ordine e grado, a cominciare dai bambini della scuola materna. “Teniamo a sottolineare l’importanza degli alberi – continuano le associazioni – specie nei contesti urbanizzati e la conseguente promozione di iniziative locali per lo sviluppo degli spazi verdi urbani nell’ottica del miglioramento ambientale e della sensibilizzazione della cittadinanza. Una città verde, oltre ad apparire esteticamente più apprezzabile anche a livello turistico, è in grado di incontrare i fabbisogni di ricreazione, relazione sociale, crescita culturale e di salute dei propri abitanti”.

“Riteniamo, pertanto, che Maria Pia è un’area da rinaturalizzare totalmente e rendere fruibile con la messa a dimora di migliaia di nuovi alberi autoctoni per ridurre l’impronta di carbonio della città di Alghero, grazie ai finanziamenti di progetti mirati alla mitigazione e compensazione delle emis- sioni di CO2 garantendo occupazione stabile e qualificata. L’area di Maria Pia deve diventare un laboratorio verde di cittadinanza attiva attraverso il quale i cittadini possono essere protagonisti, al tempo stesso, della tutela e della fruizione responsabile dell’ambiente partendo dalla pineta e attuando l’estensione dell’attuale superficie alberata con essenze autoctone”, concludono le associazioni.