Bonus di 800 euro alle famiglie, come sono divisi i soldi comune per comune

Ristori per le aziende in crisi, allo studio un nuovo provvedimento in Sardegna

Il bonus di 800 euro per le famiglie.

Emergono i dettagli su come verranno distribuiti i 120 milioni di euro stanziati dalla giunta regionale per le famiglie sarde. Sassari è la città capofila, in provincia, con il contributo maggiore che fornirà sostegno a quanti devono fronteggiare la crisi a causa delle restrizioni da coronavirus.

Si tratta di 800 euro per due mesi alle famiglie residenti, con domicilio in Sardegna rimaste senza reddito a causa dell’emergenza Covid-19. L’accesso ai disoccupati, lavoratori dipendenti, autonomi, lavoratori co.co.co, titolari di partita iva, la cui attività è stata compromessa a causa della diffusione del Covid-19, nonché il contributo cumulabile per famiglie con altre forme di sostegno al reddito fino al contributo massimo di 800 euro. Per i nuclei familiari superiori a tre unità è previsto un incremento di 100 euro per ogni componente.

A Sassari arriveranno 821.523,79 euro di contributo statale, più 4.795.007,29 euro di contributo della Regione Autonoma della Sardegna. Ad Alghero, invece, 300.624,61 euro di contributo statale cui vengono sommati 1.583.189,03 stanziati dalla Ras. Questo per quanto riguarda la ripartizione nei comuni sopra i 30mila abitanti.

A Ozieri, che sta sotto i 30mila, andranno invece 82.711,46 euro di contributo statale più 445.647,22 euro della Regione Autonoma della Sardegna.