Tra Ganau, Giagoni e Wheeler si riaccende la sfida elettorale tra Sassari e la Gallura per un posto in Senato

Tra Ganau, Giagoni e Wheeler si riaccende la sfida elettorale tra Sassari e la Gallura per un posto in Senato

Sfida per un posto al Senato tra Wheeler, Giagoni e Ganau.

Dal 17 marzo scorso, con la morte della senatrice del Movimento 5 Stelle, Vittoria Bogo Deledda, il collegio uninominale Sardegna 03 risulta vacante. Una porzione di territorio che interessa la provincia di Sassari, la Gallura e parte del Nuorese, verso la quale gli elettori saranno chiamati ad esprimersi in autunno alle elezioni supplettive. Tuttavia, nonostante l’emergenza coronavirus, le trattative all’interno dei partiti vanno avanti.

Nel movimento fondato da Beppe Grillo, a spuntarla potrebbe essere il sindaco di Porto Torres, Sean Wheeler. Benché il primo cittadino non goda di grande ammirazione da parte dei suoi concittadini e i sondaggi lo diano in costante discesa, negli ambienti pentastellati il nome continua a circolare con grande insistenza.

Molto più articolato il discorso nel centrodestra. Il nome che continua a riecheggiare è quello di Dario Giagoni, vice commissario della Lega e capogruppo dello stesso partito in Regione. Scelta che la formazione politica di Matteo Salvini vorrebbe imporre agli alleati e che non piace nemmeno ai sardisti, spaccati su più fronti. Il primo no è arrivato da Forza Italia che punta su un moderato della Gallura. Questo anche per colpa della frattura venutasi a creare a Sassari con l’esodo dal partito di Berlusconi verso le civiche di Nanni Campus. Stesso diniego arrivato da Noi con l’Italia – Udc, che potrebbe ricevere ulteriore peso dell’elettorato che ha corso insieme alle regionali, ovvero Sardegna20venti, Sardegna Civica, Energie per l’Italia, Fortza Paris e Riformatori Sardi. Più quiete, invece, le acque all’interno di Fratelli d’Italia che invita al dialogo e alla sintesi tra le forze così da avere un candidato forte in grado di sconfiggere i concorrenti del centrosinistra. Senza speranze, invece, la candidatura del sassarese Ignazio Manca, la cui leadership da coordinatore provinciale è stata declassata a coordinatore cittadino. Carica formale, visto che a Sassari il partito fondato da Umberto Bossi ha dovuto chiudere i battenti.

Nel centrosinistra il nome più quotato resta quello di Gianfranco Ganau, ex sindaco di Sassari ed elemento di spicco del Partito Democratico isolano. Pronti a convergere su di lui, nuovamente + Europa, Italia Europa Insieme e Civica Popolare. Se l’appoggio di Campo Progressista ai seggi resta incerto, non lo è altrettanto quello degli altri partiti del centrosinistra che hanno corso alle scorse regionali come i Cristiani Popolari e Socialisti. Questo al netto della sonora sconfitta delle politiche nella quale l’ex primo cittadino ottenne il 19,01% dei voti.