Guasto alla condotta del Coghinas, acqua riaperta a turno nei quartieri di Sassari

A Sassari salgono a 60 le persone positive: i dati del Comune

Gli orari di riapertura a Sassari.

Sono andate a buon fine le modifiche all’assetto idrico della città di Sassari per distribuire l’acqua prodotta dal potabilizzatore del Bidighinzu a un numero maggiore di zone. Tramite un serie di manovre in rete nelle principali condotte cittadine anche nelle zone a secco (a causa del guasto nell’acquedotto dell’Enas Coghinas 2) è possibile garantire almeno per qualche ora un approvvigionamento che consenta alle utenze di fare scorte per le restanti ore di chiusura.

I tecnici del Gestore hanno principalmente operato lungo la direttrice Ponte Rosello-Viale Adua. Dalle 11 fino alle 17 e 30 sono stati alimentati i quartieri di Monte Rosello Basso, Sacro Cuore, Latte Dolce e Santa Maria di Pisa. Lo saranno nuovamente domani mattina dalle 9 e 30 alle 14 e 30. Nel frattempo dalle 18 di stasera l’acqua viene dirottata verso la rete del Centro storico (esclusa Porcellana) fino alle 9 di domani mattina: una sorta di turnazione tra i quartieri di norma alimentati esclusivamente con l’acqua proveniente dal Coghinas tramite il potabilizzatore di Truncu Reale. A Porcellana sarà garantita l’erogazione dalle 15 alle 19 di domani.

E’ stata chiusa alle 16 e sarà ripristinata a partire dalle 5 di domani mattina l’erogazione nei quartieri serviti dai serbatoi di via Milano e “Quota 340”: Lu Fangazzu, San Paolo, San Giuseppe, Monserrato, Tingari, Monte Rosello medio, Sassari 2, Badde Pedrosa, Monte Furru Valle Gardona, Gioscari, Luna e Sole, Prunizzedda e Monte Rosello Alto e Carbonazzi. La chiusura in corso servirà a ricostituire le riserve con l’acqua in arrivo dal Bidighinzu e quindi garantire il servizio durante la giornata.

Con le manovre di rete in atto, quindi, gran parte del centro abitato ha assicurato il servizio almeno per cinque ore. Non è possibile, invece, garantirlo alle borgate. Per questo motivo, oltre alle autobotti già dislocate, Abbanoa in stretta collaborazione con il Comune ha approntato 4 nuovi punti di approvvigionamento tramite cisterne da 30mila litri a Bancali (pressi chiesa), Ottava (pressi chiesa), Li Punti (pressi chiesa) e Sant’Orsola (via Cesaraccio).

Il ripristino del servizio a pieno regime potrà essere nuovamente garantito a conclusione dei lavori di riparazione che l’Enas sta eseguendo sulla propria condotta  Coghinas II: lavori che saranno conclusi domani notte. Successivamente servirà tutta la giornata di domenica per riavviare il complesso sistema di trattamento delle acque e di distribuzione nelle condotte che complessivamente hanno un estensione di diverse centinaia di chilometri.