L’incertezza prevale sulla zona bianca: nei camping della Sardegna prenotazioni ancora ferme

L'incertezza prevale sulla zona bianca: nei camping della Sardegna prenotazioni ancora ferme

Prenotazioni ancora ferme in Sardegna.

La classificazione della Sardegna zona bianca da una settimana non ha contribuito a colorare il registro delle prenotazioni dei camping.

“Non abbiamo registrato ancora nessun movimento – afferma Nicola Napolitano, presidente dell’associazione dei camping Faita Sardegna,- Sicuramente è una buona immagine per la nostra isola ma siamo circondati da tanta incertezza, è ancora tutto nebuloso. Non ci sono regole chiare e non sappiamo fino a quando terremmo il colore bianco. Inoltre nel resto d’Italia, è un esplodere di zone rosse e lockdown”.

A pochi mesi dal via della stagione del turismo on air le prenotazioni continuano a languire. “A i inizio marzo – spiega Napolitano – solitamente abbiamo già il 50% delle prenotazioni ed abbiamo già un quadro chiaro per strutturare la stagione. Quest’anno siamo fermi al 10% e le abbiamo solo per il mese di agosto e solo con turisti italiani. Mentre la casella stranieri, grande valore per le nostre strutture, rimane ancora vuoto. La speranza è che la situazione prima o poi si sblocchi pronti a lavorare anche se in condizioni difficilissime visto che non abbiamo possibilità di programmarci”.

In questa situazione di totale incertezza “la politica si attivi per sciogliere il nodo dei trasporti che incide per il 40% nel budget del turista e ancora di più in questo momento storico segnato dal Covid. Quando le prenotazioni si sbloccheranno dobbiamo il turista deve avere la possibilità di arrivare in Sardegna a costi accessibili, altrimenti siamo doppiamente penalizzati”.