La Settimana Santa a Sassari e provincia entra nel vivo con il Triduo pasquale

La Settimana Santa a Sassari e provincia entra nel vivo con il Triduo pasquale

Gli appuntamenti a Sassari e provincia.

Si apre il triduo pasquale nelle diverse chiese della provincia di Sassari. Un cammino liturgico all’insegna del rispetto delle norme anti coronavirus. Soprattutto ora che i contagi sono in aumento. Tassativo dunque l’utilizzo delle mascherine, il rispetto della distanza di sicurezza e l’igienizzazione delle mani.

Il Giovedì Santo a Sassari si è aperto alle 9 e 30 nella cattedrale di San Nicola, dove verrà officiata l’Ora Media seguita, mezz’ora dopo, dalla Messa Crismale presieduta dall’arcivescovo metropolita, monsignor Gian Franco Saba. La funzione, a causa delle restrizioni per il contenimento del coronavirus verrà trasmessa in diretta streaming sul canale YouTube dell’arcidiocesi. Alle 18, invece, verrà celebrata la Messa in Coena Domini con i rappresentanti delle realtà socio-caritative della diocesi. A seguire, alle 20, la preghiera di adorazione. L’Arcivescovo in forma privata e a nome della comunità diocesana, compirà il pellegrinaggio di preghiera delle “Cerche”.

Ad Alghero, invece, il Giovedì Santo si apre alle 10 con la Messa Crismale, celebrata dal vescovo, monsignor Mauro Maria Morfino, con tutti i sacerdoti della diocesi. Alle 18:30 la Messa solenne “in Coena Domini”, celebrata dal monsignore nel ricordo dell’istituzione dell’Eucaristia, del sacerdozio e del nuovo comandamento dell’amore. Dalle 20 alle 22, si terrà inoltre l’adorazione personale presso l’altare della Reposizione.

A Ozieri, alle 17 e 30 nella cattedrale verrà celebrata la Santa Messa in Coena Domini, presieduta dal vescovo, monsignor Corrado Melis. Funzione che segue la Messa crismale tenuta ieri sera alle 18.

Inizia la Settimana Santa, gli appuntamenti a Sassari e le regole da rispettare per il coronavirus

Il Venerdì Santo a Sassari si aprirà alle 8. Nel duomo si mediteranno l’Ufficio delle letture e Lodi mattutine presiedute dall’arcivescovo con il Capitolo turritano. Un’ora dopo, nella chiesa di Sant’Antonio abate, si terrà un momento di preghiera “Contemplando le cerche della Madonna dei sette dolori”. Nel pomeriggio, a partire dalle 17, l’azione liturgica della Passione di Cristo si terrà nella cattedrale. Alle 19:30, invece, nella chiesa della Santissima Trinità l’arciconfraternita Santa Croce rievocherà i drammatici momenti della crocifissione e morte di Cristo.

Ad Alghero, invece, alle 8 si reciteranno nella cattedrale le Lodi comunitarie e Ufficio delle Letture, presieduti dal vescovo presso l’altare della Reposizione. Alle 16 l’azione liturgica della Passione e Morte del Signore. Ovvero la proclamazione della Passione, preghiera universale, adorazione della Croce e comunione eucaristica presieduta dal monsignore. Alle 19 il rito del discendimento in diretta tv e via streaming per evitare assembramenti.

A Ozieri alle 17:30, nella cattedrale, si ripercorrerà la passione del Signore. Alle 19:30 la via crucis cittadina. Entrambe le funzioni saranno presiedute dal vescovo.

Il Sabato Santo a Sassari si aprirà alle 8. Nel duomo si mediteranno l’Ufficio delle letture e Lodi mattutine presiedute dall’arcivescovo con il Capitolo turritano. Alle 19:30, la solenne veglia pasquale con la celebrazione eucaristica presieduta da monsignor Saba.

Ad Alghero, invece, alle 19:30 si terrà la solenne veglia pasquale. La liturgia della Luce per celebrare Cristo risorto con la benedizione del fuoco, accensione del cero pasquale, e l’annuncio gioioso della Pasqua. Seguirà la Liturgia della Parola con la proclamazione della storia della salvezza, operata da Dio, ad iniziare dalla creazione e dalla liberazione degli Ebrei dall’Egitto. Infine la benedizione dell’Acqua battesimale e la liturgia eucaristica.

A Ozieri alle ore 20, sempre nella cattedrale, si terrà la solenne veglia pasquale alla presenza del vescovo. Come da norme anti contagio, i posti saranno contingentati.