Tendone all’ingresso e controlli, la vita nel carcere di Bancali

Tendone all'ingresso e controlli, la vita nel carcere di Bancali

La situazione del carcere di Bancali.

“Al momento nessuna protesta da parte dei detenuti nelle carceri isolane. Anche nel carcere sassarese di Bancali la situazione sembra tranquilla”, A darne notizia è il segretario regionale OSAPP Sardegna, il sindacato della polizia penitenziaria, Roberto Melis. “La situazione nella gran parte degli istituti del distretto, da quanto ci segnalano i poliziotti in servizio nei vari istituti, è in stand-by. Sembrerebbe che non siano ancora state distribuite a tutto il personale mascherine, guanti, gel per le mani –  prosegue Melis -. Senza scendere nello specifico del singolo istituto è doveroso denunciare questo dato”. 

In tutti gli istituti di pena sono stati adibiti locali e tendoni per monitorare gli ingressi in carcere.  Il segretario prosegue sottolineando la grande professionalità e senso del dovere della polizia penitenziaria e di tutti i comandi di reparto. “Siamo esposti a rischi, certamente, ma il momento è delicato. Il nostro personale ha cercato di combattere le rivolte di tutta Italia e ha trasferito numerosi detenuti senza poter avere gli strumenti per tutelarsi dal coronavirus. Dovremmo avere un’indennità anche per questo”, conclude Melis.