Il triste ricordo delle vittime della pandemia, un anno fa la colonna dei camion pieni di bare

Il triste ricordo delle vittime della pandemia, un anno fa la colonna dei camion pieni di bare

Il ricordo in Consiglio comunale a Sassari.

Oggi, 18 marzo, è la giornata nazionale per conservare e rinnovare la memoria di tutte le persone decedute a causa del coronavirus. Una data simbolo istituita anche per non dimenticare una delle immagini più tristi della pandemia: i camion dell’esercito che lasciano Bergamo con le bare delle vittime.

Anche il Consiglio di Sassari, in apertura dei lavori ha dedicato un pensiero a tutte le vittime con un minuto di silenzio. “Il 18 marzo 2020 è un giorno che resterà impresso nella memoria di tutti noi – ha eordito il presidente Maurilio Murru in Consiglio. Quel giorno abbiamo visto e rivisto quella lunga colonna di mezzi dell’esercito che lasciava Bergamo con le bare delle vittime del Covid. Il cimitero di Bergamo non reggeva più quell’imponente numero di salme e queste andavano trasportate nei forni crematori delle regioni vicine”.

“Anche il Consiglio comunale di Sassari vuole ricordare i morti a causa di questa pandemia, che a oggi sono oltre 103mila nel nostro Paese, e lo fa, a oltre un anno di distanza all’interno di una emergenza non ancora finita, in un Paese che non vuole mollare e che vuole ritornare, con l’aiuto di tutte e tutti voi, a vivere la quotidianità e la normalità del passato”, ha concluso Murru.