Il Comune approva il rendiconto di gestione: un piccolo tesoretto per Porto Torres

Idee e proposte dagli esercenti per "La Porto Torres che vorrei"

L’approvazione.

Il consiglio comunale di Porto Torres ha approvato ieri il rendiconto di gestione dell’esercizio finanziario del 2018. Il documento rappresenta la fotografia delle azioni e il grado di raggiungimento degli obiettivi prefissati con il bilancio di previsione.

Con il rendiconto è stata sancita l’attendibilità delle risultanze della gestione finanziaria, il rispetto degli obiettivi di finanza pubblica e in generale l’adeguatezza del sistema contabile del Comune di Porto Torres. Per l’anno 2018 vi è un incremento dell’avanzo di amministrazione da 23 milioni e 652 mila euro a 28 milioni 143 mila, in particolare con un valore positivo di 127 mila nella parte destinata agli investimenti.

“La gestione finanziaria del nostro ente risulta solida – ha detto il sindaco Sean Wheeler – è chiara ed è ben controllata. Ora ci impegneremo a utilizzare l’avanzo di amministrazione; si tratta di un piccolo tesoro e abbiamo già individuato molte azioni da compiere nell’immediato futuro”.

Durante il consiglio comunale il sindaco ha voluto anche rispondere alle segnalazioni e raccontare quanto fatto negli ultimi anni su alcuni importanti temi. “Le accuse e recriminazioni sul nostro presunto disinteresse le rispedisco al mittente – commenta il primo cittadino – a chi mi chiede dello sviluppo industriale ricordo che la nostra zona è un’Area di crisi complessa. Il Comune è sicuramente un importante attore, ma non è quello principale. Sono stato presente sia in Regione sia a Roma per seguire tutte le fasi del progetto di riconversione del ministero dello Sviluppo economico: grazie all’interessamento della nostra amministrazione il finanziamento per l’area di Porto Torres è stato aumentato sino a 20 milioni”.

“Per quanto riguarda il porto mi sono adoperato per sbloccare il finanziamento del travel lift. Devo rinfrescare la memoria e dire che il progetto era quasi congelato, ma con pazienza ho interloquito con tutti i soggetti interessati e finalmente si sta procedendo. Cambiando argomento, è un paradosso che chi mi chiede i parcheggi a pagamento sul nostro litorale per incamerare risorse e dare maggiori servizi sia la stessa persona che invece si lamenta del contributo di sbarco all’Asinara. Per l’isola, grazie al contributo, l’amministrazione ha potuto partecipare ad iniziative di marketing turistico e iniziare un percorso di rilancio dell’isola parco. È opportuno anche ricordare che siamo in dirittura d’arrivo per approvare il piano particolareggiato con il quale potranno in futuro essere messi a bando gli immobili. E poi ancora grazie al mio forte interessamento la scorsa giunta Regionale, anche se con molto ritardo, ha reperito finanziamenti per la strada cementata e la bonifica dell’amianto. Non da ultimo la visita del ministro dell’Ambiente Sergio Costa, che ci ha garantito un tavolo interministeriale per sbloccare l’uso i bene patrimoniali ancora in capo al ministero della Giustizia”.

«Si tratta di azioni e obiettivi che hanno un orizzonte temporale ampio, quindi i frutti di questo impegno e di questa dedizione si vedranno nei prossimi anni e quando il mio mandato sarà concluso – ha detto il sindaco – tuttavia non è questo l’importante per i cittadini e per Porto Torres, quello che conta è che la città continui a migliorare giorno dopo giorno».