L’officina diventa virtuale, l’idea innovativa di Sassari che piace alla Mercedes

L'officina diventa virtuale, l'idea innovativa di Sassari che piace alla Mercedes

Easy Service 24 è l’idea di PimaxCar per la riparazione dell’auto.

La parola d’ordine in questo particolare periodo storico è sempre la stessa: distanziamento sociale ed interpersonale. E se per molti questo risulta essere facile, per altri, specie in alcuni ambiti lavorativi, può diventare un problema. Come fare allora per poter mandare avanti la propria attività lavorativa, se non cercando vie alternative e, perché no, innovative? La risposta ce l’ha data PimaxCar, società capogruppo delle delle concessionarie Autoelegance, Autoprestige e Autoclub con sede a Sassari e Olbia.

Dal lavoro di questa società è nata Easy Service 24, l’idea rivoluzionaria per l’assistenza e la riparazione della propria auto. Il servizio permette infatti di poter usufruire di tutti i servizi necessari dell’azienda, senza il bisogno di dover incontrare personalmente i tecnici.

Tramite il servizio è possibile prenotare un appuntamento “virtuale” con la concessionaria, per poter portare la propria auto in riparazione facendosi dare “le chiavi di casa”, come ha spiegato il titolare di PimaxCar Massimo Mele. “Grazie ad un rapporto fiduciario coi nostri clienti, il servizio ci permette di fornire loro assistenza h24. Il funzionamento del servizio è molto semplice e veloce: il cliente prenota un appuntamento via Skype o via telefono, – illustra Mele – fissando l’orario in cui vuole lasciare l’auto. È possibile farlo anche di notte. Infatti, in fase di prenotazione, il cliente fornisce i propri dati e numero di targa. Al suo arrivo, le telecamere riconoscono la targa e i cancelli si aprono. Successivamente il cliente segue un percorso che noi gli abbiamo precedentemente indicato”.

L’auto poi viene analizzata da uno scanner, per capire quali siano i danni esterni che presenta. Al termine dell’operazione, tramite un codice da noi fornitogli apre un garage, dove lascia l’auto e mette le chiavi in una cassaforte, nella quale trova quelle dell’auto sostitutiva. Quest’ultima viene analizzata a sua volta con uno scanner e all’uscita i cancelli riconoscono la vettura e si aprono, consentendo al cliente di uscire.

L’auto viene poi presa in carico dai meccanici, viene fatto un ulteriore video per capire se sono presenti anche altri problemi. Il cliente, sempre online, viene informato sulla loro eventuale presenza e gli viene chiesto se desidera un ulteriore intervento sull’auto. Sempre online, una volta effettuata l’operazione, è possibile aprire un pop-up per procedere al pagamento, che avviene tramite carta. Il tutto in maniera veloce e senza che il cliente incontri mai fisicamente un meccanico.

L’idea ha avuto un successo gigantesco, tanto che il presidente della Mercedes rimane in costante contatto con Mele per provare a portare l’dea, costante sviluppo, anche altrove. “La condizione necessaria, però, per la buona riuscita del servizio, è una sola: il rapporto col cliente. Non so dire se in altre realtà sia possibile tutto ciò. La massima fiducia reciproca è alla base di questo servizio e del nostro lavoro in generale. Ovvio, ci piace la tecnologia ed è bello sfruttarla, ma il contatto diretto e il rapporto interpersonale con i clienti non deve mancare mai“, conclude Mele.