L’eccellenza dei microbirrifici della Sardegna a rischio: per loro nessun ristoro

L'eccellenza dei microbirrifici della Sardegna a rischio: per loro nessun ristoro

I microbirrifici della Sardegna messi in ginocchio dal Covid.

Sono 60 o forse più i microbirrifici sardi e 900 quelli italiani che non hanno trovato nessun ristoro nei provvedimenti del Governo perché il loro codice Ateco è identico a quello degli industriali dei grandi marchi della birra.

 A differenza di quest’ultimi, che hanno comunque subito una grande perdita. i microbirrifici non si rivolgono alla grande distribuzione ma a ristoranti, pub, chioschi e circoli. È evidente che le restrizioni delle aperture abbiano fortemente danneggiato il prodotto che deve essere pure smaltito con ulteriori spese.

, commenta il Deputato di FdI, Salvatore Deidda, che ha presentato un’interrogazione al Governo per chiedere il superamento dei codici Ateco, il riconoscimento di una defiscalizzazione per chi produce birra e un credito di imposta per chi spilla con i microbirrifici;

“Il Governo non ha riconosciuto nessun aiuto a quella filiera che, nel 2019, ha prodotto mezzo punto di PIL, 10 miliardi di euro. Ora servono misure strutturali per ridare ossigeno ad un settore produttivo e fiorente”, conclude Deidda che proprio ieri fa sapere di essere stato in visita al birrificio Alvure, commenta il Deputato di FdI, Salvatore Deidda, che ha presentato un’interrogazione al Governo per chiedere il superamento dei codici Ateco, il riconoscimento di una defiscalizzazione per chi produce birra e un credito di imposta per chi spilla con i microbirrifici.