Freno al contante, come prepararsi e come scegliere la carta di credito

Clona la carta e ruba i soldi dal conto corrente: la truffa a Ozieri

Come conoscere le carte più adatte alle proprie esigenze.

In quest’ultimo periodo non si fa altro che parlare del cosiddetto stop al contante. Sebbene ci siano delle opinioni contrastanti in materia e si nota una divisione tra chi è a favore di questo stop e chi si professa contrario, è utile capire di che si tratta, quali sono le motivazioni e come agire di conseguenza. 

Cosa sta succedendo in Italia? Il Premier Conte, così come tutta la compagine di governo, da qualche tempo a questa parte cerca di incentivare l’utilizzo della moneta elettronica. Proprio per questo motivo, da qualche settimana si parla del cosiddetto stop al contante, che sembra sempre più vicino. 

Del resto, si tratta di una misura che sembra essere necessaria per portare il nostro Paese al livello di tutti gli altri Stati Europei, dove la moneta elettronica e le carte di credito vengono più sfruttate che in Italia. I nostri concittadini, stando a quelli che sono i dati più recenti resi noti da uno studio di Assofin riferito al 2018, non amano molto le carte di credito, mentre preferiscono quelle di debito. 

Nello specifico, si parla di 15 milioni di carte di credito attive contro gli oltre 56 milioni di carte di debito in possesso degli italiani. Ma c’è di più. L’Italia rimane agli ultimi posti nelle classifiche europee per diffusione della moneta elettronica. Su 28 Paesi, il nostro si classifica al 24esimo posto. Cosa significa? Che, nonostante un piccolo aumento delle transazioni nel 2018, le percentuali di altri Stati sono ancora molto lontane.

Proprio per questo motivo il Governo ha deciso di fare qualcosa, proponendo anche degli incentivi per i consumatori che preferiranno le carte rispetto alla moneta sonante per i pagamenti di diversi tipi di beni. Ad oggi, ad esempio, sono pochissimi gli italiani che fanno la spesa pagando con carta o che preferiscono questo strumento anche per piccole transazioni. Questo perché, ancora oggi, si tende a preferire il contante. 

Tuttavia, come sempre, quando si tratta di carte di credito si deve fare attenzione. Ne esistono tante sul mercato e queste si affiancano, inoltre, a diversi tipi di altri strumenti finanziari. Sempre più spesso nascono, infatti, nuove tipologie di pagamento che sfruttano le ultimissime tecnologie. Per capire quale strumento scegliere bisogna, quindi, prendere in considerazione l’apposita sezione di Affari Miei nella quale sono recensite le migliori carte di credito esistenti in Italia al momento.

Conoscere le caratteristiche di ciascuna di esse è importante per individuare quella migliore per le proprie esigenze. Proprio perché esistono diverse tipologie di carte di credito, riuscire a scegliere quella più affine a ciò che si desidera è la soluzione migliore per imparare ad avere un ottimo rapporto con questo strumento. Si spera, infatti, che quest’ultimo, a lungo andare e con il passare degli anni, potrà limitare l’utilizzo del contante nel nostro Paese. Una vera e propria rivoluzione, anche culturale a guardare bene. 

Solo in questo modo l’Italia potrà non essere più il fanalino di coda delle classifiche europee, ristabilendo l’ordine e dando a tutti dei vantaggi legati all’utilizzo della moneta elettronica e non del denaro sonante. Naturalmente, di ogni strumento finanziario, sia esso una carta di credito, una di debito o altro, è importante conoscere vantaggi, svantaggi, limiti e condizioni. Questa è la conditio sine qua non per non avere brutte sorprese e per trovarsi tra le mani esattamente ciò che si sta cercando.