In giro di notte per la provincia con degli attrezzi da scasso: doveva essere ai domiciliari

In giro di notte per la provincia con degli attrezzi da scasso: doveva essere ai domiciliari

L’uomo stava girando assieme ad altre 3 persone per la provincia di Sassari.

I carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della compagnia di Bonorva la notte scorsa hanno arrestato un uomo con precedenti di polizia che, dopo esser evaso dai domiciliari, girovagava con la propria autovettura insieme ad altre tre persone, tutte note alle forze dell’ordine.

Il controllo è scattato alle 4 di notte, quando i militari hanno notato la macchina in atteggiamento sospetto nei pressi della strada provinciale 8 bis, al confine tra i comuni di Mara e Pozzomaggiore.

Dopo aver avuto contezza delle persone che vi erano a bordo, hanno effettuato una perquisizione personale e veicolare, rinvenendo numerosi attrezzi per l’effrazione, fotocellule e un “jammer” ovvero un dispositivo utilizzato per il disturbo delle radio frequenze, come ad esempio le allarmi delle autovetture o delle abitazioni. Sia l’evaso che un cittadino di nazionalità tunisina sono stati anche denunciati perché trovati in possesso di un coltello a serramanico, per il quale è vietato il porto.

Tale attività si inserisce nell’insieme dei numerosi servizi predisposti dai carabinieri per il contrasto dei reati predatori e del mancato rispetto delle disposizioni anti-contagio da coronavirus, al fine di combattere il fenomeno dei furti di autovetture ed in abitazione. Al termine delle operazioni tutto il materiale è stato sequestrato. L’arrestato è stato sottoposto a giudizio direttissimo questa mattina, a conclusione del quale il giudice ha disposto la custodia in carcere.

Contestualmente tutti e 4 gli occupanti del veicolo sono stati sanzionati per il mancato rispetto delle disposizioni inerenti il rispetto del coprifuoco per il covid-19.