Le 6 figure professionali che le aziende vorrebbero assumere e che non trovano

Le 6 figure professionali che le aziende vorrebbero assumere e che non trovano

Le figure professionali ricercate anche in Sardegna.

Nell’era moderna e digitale, dove le aziende cercano di stare al passo coi tempi e inventano talvolta nuovi mezzi di marketing e comunicazione, sono richiesti alcuni profili che, al giorno d’oggi, risultano essere rari ed introvabili. Ecco quali sono quelli più richiesti in assoluto, quindi, anche in Sardegna, secondo una ricerca di Adecco.

Broad Band Architect: Letteralmente si può tradurre con “Architetto della televisione“. In riferimento chiaramente a quella online. Si occupa delle innovazioni interattive della Web TV, mescolando in mondo online con quello classico della televisione che è ormai diventata Smart TV. Al profilo è richiesta una buona conoscenza di entrambi i canali di informazione e deve avere una formazione nell’ambito della comunicazione e dei sistemi informatici. Il guadagno medio annuo stimato per questo profilo è di 180.000 euro all’anno.

Cloud Architect: Si occupa di creare ambienti cloud che siano facilmente gestibili e che si adattino il più possibile alle esigenze del business di un’impresa. In questo modo facilita il complesso processo di digitalizzazione delle aziende. Per capire l’importanza di questo profilo lavorativo, basti pensare che è ricercatissimo da aziende come Amazon e Microsoft. Guadagno stimato: dai 60.000 ai 150.000 euro all’anno.

Data scientist: Oggi i dati rappresentano un’autentica fonte di ricchezza. Saperli gestire, analizzare e sfruttare a beneficio di un’azienda è una competenza assai richiesta nel mondo del lavoro. Il profilo possiede un’ottima capacità di programmazione, analisi quantitativa, comprensione del prodotto propensione al lavoro di squadra. Guadagno stimato: dagli 87.000 ai 140.000 euro all’anno.

Energy Manager: Ha il compito di favorire un utilizzo migliore dell’energia attraverso azioni, interventi e procedure necessarie per promuovere un uso razionale della tecnologia. Un professionista di questo settore guadagna tra i 30.000 e i 60.000 euro all’anno.

Growth Hacker: Ha il compito di ideare e sviluppare strategie di crescita di un’azienda attraverso l’ingegneria informatica, il marketing e la comunicazione attraverso i social network. Un profilo simile può arrivare a guadagnare dai 60.000 ai 170.000 euro all’anno.

Ux Designer: Questo professista ha la capacità di analizzare e interpretare il comportamento dei clienti di un’azienda. Effettua indagini sulle dinamiche di consumo e ne raccoglie i dati, con l’obiettivo di costruire un’esperienza migliore all’utente, migliorando la relazione tra consumatore e prodotto. Un profilo come questo arriva a guadagnare tra i 23.000 e i 58.000 mila euro all’anno.