Dal negazionista a chi rifiuta la mascherina: arrivano le prime multe a Sassari

La Sardegna passa in zona rossa, le nuove regole in vigore da lunedì

Le prime multe dopo l’ordinanza sull’uso della mascherina a Sassari.

Nella prima settimana dalla firma dell’ordinanza che prevede l’uso della mascherina sull’intero territorio sassarese, anche all’aperto, la polizia locale ha sanzionato sei persone, concentrando la propria azione più sulla sensibilizzazione e l’informazione sull’importanza dell’utilizzo di questa protezione. Le uniche multe, tutte del valore di 400 euro, come da normativa, sono state elevate contro persone che si sono letteralmente rifiutate di indossarle, anche dopo i richiami degli agenti, o non le avevano neppure con sé.

La prima sanzione è stata emessa nei confronti di un uomo, mentre passeggiava in compagnia della ragazza in piazza d’Italia, in quanto invitato dagli agenti a indossare la mascherina, non ottemperava e ha continuato la sua passeggiata non curante delle normative anti-Covid, nonostante la piazza fosse gremita di persone. A questo gli agenti lo hanno dovuto identificare e sanzionare.

Situazione analoga nello slargo di via Brigata Sassari, dove due passanti, di circa 40 anni, invitati dagli agenti all’uso della mascherina, uno in particolar modo, ha proseguito il suo cammino, senza indossarla, in direzione piazza Castello. È stato allora richiamato dagli agenti e sanzionato.

Le altre sanzioni sono state elevate contro una donna ferma in via Brigata Sassari, davanti alle Poste, contro un negazionista in largo Cavallotti e contro due giovanissimi alla fermata di Sirio che non avevano neanche la mascherina con sé.