Pareggio casalingo per il Latte Dolce che assedia il Cassino

Pareggio casalingo per il Latte Dolce che assedia il Cassino

Finisce 1 a 1 a Sennori.

Il latte dolce scende in campo con un 4-4-2 che vede Kone e Scotto coppia d’attacco che durante il primo tempo diventa 4-3-3 con l’arretramento di Kone in fase di non possesso.

Al 23′ l’arbitro decretail calcio di rigore per il Latte Dolce. Scotto tenta di impattare di testa un cross dalla destra, ma viene steso dal portiere. Dal dischetto Cabeccia non sbaglia.

Il Cassino va al tiro poco dopo con Vitiello, ma ottiene solo un calcio d’angolo. Risponde il Latte Dolce col tiro sbilenco di Kone da ottima posizione.

Al 38′ i laziali pareggiano con Tribelli, pronto al tap-in sulla respinta corta di Urbietis, che aveva negato il gol a Vitiello. Il primo tempo finisce sul pari.

Nella ripresa, il Latte Dolce studia gli avversari e sfiora il gol diverse volte con Scotto. Il Cassino sfiora per due volte il gol, con Lucchese e Vitiello, ma Urbietis dice no. Al 75′ è però la squadra sassarese a colpire il palo con Scotto, servito dal subentrato Palmas, che da esterno d’attacco sulla sinistra ha cambiato l’inerzia del secondo tempo. È lui stesso a sfiorare il gol di testa al 76′ su torre di Scotto.

Il Latte Dolce attacca e assedia la porta del Cassino, che si difende strenuamente. All’82’ Lucchese salva sulla linea. Ed è proprio il laziale a sfiorare la rete con un tiro dalla distanza al 90′. Il Latte Dolce sente i tre punti allontanarsi e va frettolosamente al tiro con Cabneccia al 91′, fuori.

IL TABELLINO

Sassari Latte Dolce: Urbietis, Tuccio, Arzu, Cabeccia, Antonelli, Bianchi, Pisanu, Marcangeli, Piga, Kone, Scotto. A disposizione: Garau, Pinna, Gianni, Patacchiola, Scanu, Fadda, Palmas, Scognamillo, Piredda.

Cassino: Della Pietra, Carcione, Picascia, Tribelli, Vittiel, Raucci, Tomassi, Orlando, Lucchese, Darboe, Cocorocchio. A disposizione: Del Giudice, Gagliardo, Miranda, Giglio, Colacicco, Cardillo, Miele, Lombardo, Calcagni.

Arbitro: Foresti della sezione di Bergamo, assistito da Minieri della sezione di Treviglio e Galigani della sezione di Sondrio.

Reti: 23′ Cabeccia (L), 38′ Tribelli (C)