Passaporto sanitario per i vaccinati, il Consiglio d’Europa dice no

Vaccini per il coronavirus, le dosi in arrivo in Sardegna. Il piano per gli anziani

La decisione del Consiglio d’Europa.

Mentre continuano le polemiche sui ritardi delle forniture dei vaccini da parte delle industrie farmaceutiche Pfizer e Moderna, il Consiglio d’Europa si è espresso, nei giorni scorsi, sull’ipotesi del passaporto sanitario, di cui si era parlato in questi mesi. Il voto non lascia spazio ad altre discussioni. “Gli Stati devono informare i cittadini che la vaccinazione non è obbligatoria e che nessuno deve farsi vaccinare se non lo vuole e bisogna garantire che nessuno sarà discriminato se non è vaccinato”, hanno messo nero su bianco i rappresentanti dell’Ue.

Il Consiglio d’Europa (CdE) ha voluto così sottolineare con forza che il vaccino non è da considerarsi obbligatorio e non si può o non si deve criticare (o discriminare, come dice il CdE) chi sceglie di non vaccinarsi. Il vaccino è “un bene pubblico globale“, hanno rimarcato i delegati, e deve essere garantito che tutti i Paesi abbiano potuto vaccinare il personale medico e i soggetti a rischio prima che possa essere esteso a tutti gli altri.

Il CdE si è espresso anche in merito all’idea dei certificati di vaccinazione come passaporto sanitario, dichiarandosi contrario anche in questo caso. I certificati di vaccinazione devono avere come unica utilità quella di monitorare efficacia ed effetti collaterali: usarli come passaporto sanitario, afferma il CdE, andrebbe contro la scienza stessa, in assenza di dati certi sulla durata dell’immunità e sull’efficacia della prevenzione del contagio.