Da Saccargia a Sorres un progetto per rilanciare il patrimonio religioso

Da Saccargia a Sorres un progetto per rilanciare il patrimonio religioso

Il progetto di valorizzazione del patrimonio artistico.

Nel Monastero di San Pietro di Sorres è stato presentato questa mattina un progetto che mira alla valorizzazione del patrimonio storico, artistico e religioso dei territori del Logudoro, Coros e Mejlogu attraverso la diffusione della conoscenza dei suoi tre monumenti più prestigiosi, Saccargia (Codrongianos), Nostra Signora del Regno (Ardara) e San Pietro di Sorres (Borutta).

L’evento è stato organizzato dall’associazione Amici della Basilica di Saccargia Onlus. L’associazione, nata per volere di Ivano Spallanzani, ex presidente della Banca di Sassari, unitamente ad alcuni imprenditori e professionisti sassaresi, trova inoltre supporto nei tre comuni e nell’Arcidiocesi di Sassari che sono anche soci attivi della medesima. La Regione Sardegna, già dal 2013, ha riconosciuto l’importanza dei progetti portati avanti dagli “Amici di della Basilica di Saccargia” attraverso il riconoscimento ufficiale dei “Cammini e Itinerari dello Spirito”.

Tra gli interventi anche quello del presidente del Consiglio regionale Michele Pais, che ha rimarcato come “dobbiamo creare sinergie tra il pubblico e il privato per tutelare e promuovere il nostro patrimonio dei beni monumentali e culturali affinché non vadano dimenticati o dispersi. In questo senso le tre chiese simbolo del nostro territorio, le basiliche di Saccargia a Codrongianos, di Nostra Signora del Regno ad Ardara e San Pietro di Sorres nel monastero benedettino di Borutta rappresentano un importante esempio”.