Rompe la mandibola ad un coetaneo di Alghero dopo una scenata di gelosia, condannato

Protesta per il prezzo del latte, a Sassari parte il processo contro i pastori

Condannato per aver rotto la mandibola ad un coetaneo di Alghero.

Un anno e otto mesi di reclusione per il reato di lesioni. È quanto ha sentenziato, nei giorni scorsi, il giudice del tribunale di Sassari per un giovane che, in seguito ad una discussione avvenuta nella discoteca “Il Ruscello” di Alghero, aveva rotto la mandibola ad un suo coetaneo.

Dalla ricostruzione processuale è emerso che la vittima si era accomodata nel divanetto a tre posti nella quale amoreggiava una coppia di algheresi. Fatto che ha stizzito il fidanzato, che si trovava in intimità con la propria compagna, tanto da colpirlo con un pugno che ha fratturato la mandibola del malcapitato. Un gesto che è costato un intervento chirurgico e 40 giorni di cure.

Per questo motivo il giudice Giulia Tronci ha condannato ad un anno e 8 mesi di reclusione, per lesioni, il giovane violento. Quest’ultimo, dal canto suo, ha sempre sostenuto di essere stato aggredito per primo e di essersi difeso.