Nuova aggressione nel carcere di Bancali, detenuto si scaglia contro gli agenti

Detenuti e guardie vaccinate contro il corovonavirus in carcere a Bancali

La nuova aggressione nel carcere di Sassari.

Nuove aggressioni nel carcere di Sassari Bancali dove ieri mattina, un detenuto straniero, da prima ha aggredito un agente della polizia penitenziaria con schiaffi e pugni mentre quest’ultimo stava controllando l’immissione dei ristretti ai cortili passeggi.

Successivamente lo stesso detenuto si è scagliato su altri poliziotti intervenuti per riportare alla calma la situazione, creando anche a loro danni fisici.

A darne notizia è il segretario regionale dell’Osapp, Roberto Melis che denunciando l’episodio parla di una situazione davvero preoccupante.
“Non e la prima volta che in quel di Bancali i poliziotti subiscono aggressioni e lesioni, Quanto accaduto stamane nel carcere Sassarese è il risultato di una politica penitenziaria assente”, spiega Melis.

“Questa situazione non può essere sottovalutata, il personale di polizia penitenziaria non può essere abbandonato dalle istituzioni, i colleghi devono poter iniziare il turno con serenità non con la preoccupazione di non sapere in che condizioni finiranno il loro lavoro e come torneranno a casa”.

“La situazione è sempre più drammatica per il personale di polizia penitenziaria. Auspichiamo l’intervento immediato del Provveditore Regionale dell’amministrazione Penitenziaria, al quale chiediamo, e non solo per bancali, l’immediato allontanamento dei ristretti che si rendono protagonisti di tali gesti, al contempo manifestiamo la nostra vicinanza ai poliziotti oggetto dell’aggressione e auguriamo loro una pronta guarigione”, conclude Melis.