Dagli scavi della rete del gas di Porto Torres spunta un nuovo tesoro archeologico

Dagli scavi della rete del gas di Porto Torres spunta un nuovo tesoro archeologico

Le scoperte fatte durante i lavori di Porto Torres.

La ricca e prestigiosa colonia romana di Turris Libisonis, la Porto Torres di duemila anni fa, continua a regalare sorprese dal sottosuolo. Le ultime testimonianze archeologiche in ordine di tempo sono emerse durante i lavori della realizzazione della rete del gas e della posa della fibra ottica e sono state presentate nella sala Consiglio del Comune di Porto Torres, alla presenza del sindaco Sean Wheeler, del Soprintendente di Sassari e Nuoro, Bruno Billeci, e del referente Italgas, Federico Sanna, direttore operativo di Medea.

Al tavolo della conferenza c’erano il vicesindaco Marcello Zirulia, l’assessore ai Lavori Pubblici, Alessandro Derudas, il funzionario archeologo responsabile di zona, Gabriella Gasperetti, l’assistente tecnico-scientifico della sede operativa di Porto Torres, Franco Satta, e l’archeologa professionista Daniela Deriu. “Le opere pubbliche servono a rendere più moderna una città, ma diventano spesso occasioni anche per approfondirne la conoscenza e per raccontare il nostro passato ricco di storia”, ha sottolineato il sindaco Wheeler.

“Gli scavi d’emergenza – ha aggiunto l’assessore Derudas – sono stati svolti in piena sintonia tra l’azienda e le istituzioni, senza intaccare il cronoprogramma”. “C’è la massima attenzione al tema dell’archeologia – ha affermato Federico Sanna di Medea, la società del Gruppo Italgas che sta costruendo le reti di distribuzione del gas nei bacini sardi in concessione – e stiamo riuscendo a rendere compatibili le due attività. I tempi di esecuzione saranno rispettati e la chiusura dei lavori è prevista entro l’anno”. “I resti di interesse archeologico sono di particolare rilievo. Sono stati individuati elementi architettonici e strutture di ottima fattura – ha detto la direttrice delle indagini archeologiche, Gabriella Gasperetti – purtroppo già in parte danneggiate e obliterate da precedenti lavori per sottoservizi e piani interrati. Nonostante le limitate dimensioni della trincea di scavo, sono state documentate le strutture, recuperati i reperti mobili e consolidati gli intonaci di rivestimento”.

L’assistenza, la documentazione scientifica e gli studi preliminari sono curati dalla dottoressa Daniela Deriu, con la collaborazione della Sede operativa di Porto Torres rappresentata dal funzionario per le tecnologie Franco Satta, dagli operatori tecnici Gavino Canu e Giantonello Sanna, e della squadra Ales in servizio in città.

“Ho potuto verificare che a Porto Torres si è attuata una buona pratica – ha sottolineato il Soprintendente Billeci – grazie alla collaborazione tra azienda e istituzioni, considerando il fatto che si sta operando in una città pluristratificata. Bisogna contemplare l’utilità di un lavoro pubblico con il dovere di raccontare ai cittadini, attraverso il nostro intervento, un passato che ci spiega perché, ancora oggi, tante persone vivono in questi luoghi che sono testimonianza di un periodo glorioso durante il quale Porto Torres rivestiva un ruolo di primo piano”.