“Siamo in guerra, ma non perdiamo l’unità”, l’appello dell’ordine dei medici di Sassari

"Siamo in guerra, ma non perdiamo l'unità", l'appello dell'ordine dei medici di Sassari

L’appello del presidente Nicola Addis.

Il presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Sassari Nicola Addis invita all’unità in un momento così difficile a causa dell’emergenza coronavirus.

Sono molte le criticità segnalate dai cittadini quotidianamente: mancate visite specialistiche, giorni di quarantena senza riuscire a sottoporsi al tampone per il coronavirus ed un elenco di tante altre difficoltà da riempire più di un foglio.

“Questo è il vero e proprio campo di battaglia – commenta il presidente Addis -. Medici che, in barba al Codice Deontologico (che impone il rispetto reciproco) si accusano a vicenda anche sulla Stampa (come accaduto recentemente per i Medici del 118 contro i Medici di Medicina Generale). Medici delle Strutture Sanitarie contro i vertici. I vertici che aprono procedimenti disciplinari contro i Medici che esternano le criticità sulla Stampa e che faccio mie avendone diretta conoscienza, devono sostenere gli operatori sanitari, che in quanto pochi, sottoposti ad uno stress insopportabile e a turni massacranti, sono allo stremo”.

“Siamo in guerra e ci hanno sempre detto che in guerra tutto è permesso. Non credo che sia così. Non con le divisioni, ma solo con uno sforzo comune si potranno ottenere risultati vincenti. Ci aspettano ancora mesi critici. La speranza è riposta nei nuovi farmaci e nei vaccini che tra qualche mese ci permetteranno di affrontare con maggior sicurezza questo nemico invisibile ed insidioso. Non perdiamola”, conclude il presidente Nicola Addis.