Il Vaccine day a Sassari, domani le prime dosi agli operatori sanitari

Visite per le malattie del fegato, a Sassari azzerate le liste d’attesa

Il vaccino anti Covid a Sassari.

Si svolgerà domani al Centro trasfusionale di via Monte Grappa la giornata del “Vaccine day”. Alle ore 13, infatti, saranno somministrate le prime dosi del vaccino anti-Covid ai primi sei operatori sanitari dell’Aou di Sassari. L’arrivo delle fiale per la vaccinazione è previsto per questa notte da Olbia, sotto scorta delle forze dell’ordine.

È previsto l’arrivo di 5 contenitori da 195 fiale che consentiranno di somministrare 4.875 dosi. Ogni fiala, infatti, consente la preparazione di 5 dosi da 0,3 ml. Dopo 21 giorni dalla prima dose è previsto un richiamo. Non tutte le fiale saranno destinate all’Aou di Sassari. Una parte, infatti, sarà consegnata all’Ats Sardegna-Assl Sassari.

Nella giornata del Vaccine day in programma domani al secondo piano del Palazzo Rosa, saranno presenti il commissario straordinario Antonio Lorenzo Spano, il direttore amministrativo Rosa Maria Bellu e il direttore sanitario Bruno Contu. “Inizieremo con i nostri primi sei operatori, tra medici, infermieri, ausiliari e un rappresentante delle ditte esterne che lavorano in ospedale – afferma Contu– per poi proseguire con la campagna a partire del 4 gennaio. L’adesione del nostro personale, al momento, è stata davvero molto alta, parliamo di oltre il 99 per cento”.

È questa, infatti, alla data del 28 dicembre la disponibilità alla vaccinazione data da medici, infermieri, oss, ausiliari e personale delle ditte esterne. Un numero molto alto al quale l’Azienda di viale San Pietro risponde mettendo in campo quattro equipe vaccinali, composte ciascuna da un medico, due infermieri e un ausiliare, che lavoreranno mattina e pomeriggio. A coordinare i vaccinatori saranno il medico competente aziendale, il dottor Antonello Serra, e il professor Paolo Castiglia.

L’Aou di Sassari, che è centro di stoccaggio per il Nord Sardegna, conserverà le fiale del vaccino nella struttura che in questi giorni è stata individuata dalla direzione aziendale, all’interno della palazzina delle Medicine. Qui è stato posizionato un congelatore in grado di conservare il vaccino a una temperatura compresa tra -60 e -90 gradi centigradi. La struttura, presidiata da una guardia giurata, è predisposta anche per il monitoraggio continuo delle temperature.