La testa di una volpe ed una cartuccia: “Minacce mafiose verso il Parco di Porto Conte”

Il parco di Porto Conte ad Alghero diventa un ecomuseo a cielo aperto

Minacce a Porto Conte.

Un grave atto intimidatorio è stato scoperto ieri a Tramariglio, nel Parco Naturale Regionale di Porto Conte, ad Alghero. Gli agenti del Corpo forestale hanno ritrovato la testa di un animale con una cartuccia in bocca, una catena e delle scritte minacciose. L’avvertimento mafioso è stato notato vicino ad un guardrail nei pressi di un cartello di informazione turistica lungo la strada provinciale 55. I destinatari potrebbero essere della zona, ma c’è paura. La testa di un animale, infatti, rappresenta una promessa di morte.

La condanna dell’opposizione in Consiglio comunale.

“Ogni atto intimidatorio, ogni minaccia violenta è un attacco alla civiltà democratica e pacifica, caratteristica della nostra comunità. Come tale va condannato e respinto con determinazione da tutti – hanno affermato i consiglieri comunale di opposizione ad Alghero, Gabriella Esposito, Mario Bruno, Pietro Sartore, Raimondo Cacciotto, Ornella Piras, Valdo Di Nolfo e Beniamino Pirisi -. La cultura politica, il rispetto delle istituzioni democratiche, lo stato di diritto, sono i presupposti  per il pluralismo e la giustizia. Esprimiamo solidarietà  all’Ente Parco e sostegno agli inquirenti per una svolta rapida delle indagini“.