Monopattini elettici per spostarsi ad Alghero, parte la sperimentazione

Monopattini elettici per spostarsi ad Alghero, parte la sperimentazione

I monopattini elettici ad Alghero.

Il Comune di Alghero ha avviato una selezione finalizzata all’individuazione di soggetti interessati a svolgere e gestire il servizio sperimentale di noleggio di monopattini elettrici mediante il sistema “free floating”, nel centro abitato.

Le aree individuate, le cosiddette aree di scarico, per il servizio in via sperimentale fino al 27 luglio 2022 sono quelle piazza della Mercede, piazza Sulis, Banchina Dogana, Fertilia, Pietraia, via Lido, piazza Sant’Agostino, viale A. Moro, Balaguer, Ospedale Marino. Il numero massimo di licenze attivabili in questa fase di sperimentazione è di tre, ciascuna delle quali potrà avere fini ad un massimo di 80 monopattini, per un totale di 240 mezzi da mettere in circolazione in città.

Come funziona il sistema di noleggio.

Il sistema innovativo di noleggio, utilizzo e gestione di monopattini elettrici avverrà  in modalità free-floatng (a flusso libero, ovvero con possibilità di restituire i mezzi in punti diversi da quello di prelievo) da mettere a disposizione di residenti, city-user (pendolari per lavoro e fruizione di attività e servizi) e turisti;  la modalità di pagamento dovrà avvenire mediante l’utilizzo di una app dedicata su supporti digitali.

“Un servizio molto richiesto e diffuso di mobilità sostenibile che nella nostra città si può adattare, visto che non ci sono grandi distanze da percorrere  – afferma l’assessore all’Urbanistica e viabilità Emiliano Piras – ma al contempo, viste le esperienze degli altri comuni d’Italia, va anche utilizzato per questa fase sperimentale con gradualità, tenendo presente l’esigenza del decoro e della sicurezza”.

Il sistema di gestione sperimentale dovrà inoltre consentire il monitoraggio continuo dei flussi, fornire informazioni in tempo reale agli utenti, anche attraverso forme innovative di comunicazione (web, app per smartphone, social media). La flotta dovrà  essere composta da mezzi dotati di regolatore di velocità, avente la possibilità di bloccare la velocità da remoto vincolandola al massino di 25 km/h.