Ad Alghero dalle 22 stop all’asporto di alcolici in vetro o in lattina

alghero piazza

L’ordinanza del sindaco di Alghero

Contrasto alle degenerazioni della notte ad Alghero, l’Amministrazione interviene con una serie di azioni sostenute anche dalle categorie interessate.  Con un’ordinanza firmata oggi il sindaco Mario Conoci ha messo insieme un pacchetto di regole, alcune in vigore anche negli anni scorsi,  che vanno nel senso di una più attenta regolamentazione delle attività che si svolgono nelle ore notturne.  

Rispetto delle regole sulla diffusione della musica, dell’organizzazione di eventi, attività accessorie dei pubblici esercizi, a cominciare dal divieto di acquisto per asporto e il consumo di bevande alcoliche in bottiglia di vetro e in lattina dalle 22 alle ore 7. L’ordinanza sindacale  che  entra in vigore oggi alla mezzanotte da domani è stata illustrata ieri a Porta Terra, dove Mario Conoci ha incontrato  i rappresentanti delle associazioni di categoria che avevano chiesto l’incontro, insieme all’assessore alle attività produttive Giorgia Vaccaro e al Comandante della Polizia Locale Carmelo Pais.

Nel corso dell’incontro, il primo cittadino ha chiesto la collaborazione degli esercenti per attuare un serio rispetto delle regole soprattutto in questo momento delicato in cui l’intensificarsi delle attività sta ingenerando effetti sull’ordine pubblico.  L’ordinanza, che accorpa tutte le precedenti in materia in adeguamento alle sopravvenute novità normative,  vieta l’assunzione di bevande alcoliche contenute in bottiglia e lattina  tra le ore 22 e le ore 7, su aree pubbliche (il divieto deve intendersi riferito anche alla mera circolazione di persone con bevande contenute in contenitori di vetro su aree pubbliche).  

E’ consentita la somministrazione di bevande in vetro   all’esterno degli esercizi della somministrazione (Bar e similari) – compresi quelli della ristorazione – esclusivamente riguardo al suolo pubblico che ne costituisce appendice. “Ho chiesto la collaborazione dei gestori delle attività per affrontare in sinergia il problema che si sta creando nelle ore notturne in città – spiega Mario Conoci – così come d’altra parte stiamo lavorando congiuntamente con le forze dell’ordine per intensificare le attività di contrasto ai fenomeni degradanti della vita notturna“. L’ordinanza riassume anche altri passaggi normati in precedenza così da condensare in un’unica griglia di lettura anche le atre misure adottate dall’Amministrazione.

Così, l’ordinanza rammenta le regole riguardanti anche la diffusione della musica complementare all’attività  che  deve aver fine alle 2 di notte. La stretta dell’Amministrazione illustrata agli esercenti è stata condivisa dagli operatori, in un’ottica di collaborazione per un coordinamento delle azioni più efficace possibile nei confronti di una situazione che in questa fase di riapertura va affrontata con la massima attenzione e con tutti gli strumenti preventivi a disposizione.