A Codrongianos torna Liquida: il Festival di Letteratura giornalistica

A Codrongianos torna Liquida: il Festival di Letteratura giornalistica

L’appuntamento nello spazio antistante la Basilica di Saccargia

Liquida, festival di lettura giornalistica, si appresta a vivere la sua III^ edizione: dal 29 luglio al primo agosto 2021 a Codrongianos, nello spazio antistante la Basilica di Saccargia. Una nuova opportunità di approfondimento e incontro. Un’occasione per generare interesse, entusiasmo, curiosità e partecipazione. Un focus attivato sui temi dell’informazione e della comunicazione, elementi che caratterizzano questo strano tempo che proprio nella Cultura ha un motore fondamentale in vista di una condivisa e auspicata ripartenza. 

“Siamo molto contenti di essere riusciti a dare forma e sostanza alla terza edizione di Liquida. L’Amministrazione comunale del sindaco Andrea Modetti ha cominciato questa affascinante avventura tre anni fa, con l’ambizione di far nascere l’unico festival in Sardegna interamente dedicato al giornalismo: siamo entusiasti di quello che fino ad oggi siamo riusciti a realizzare. Anche quest’anno l’Associazione Lìberos ha fatto un lavoro egregio nel costruire un programma di assoluto livello – programma ancora in via di definizione – con ospiti che non vediamo l’ora di annunciare e di ascoltare sul palco – afferma l’assessore alla Cultura del Comune di Codrongianos Giovanni Scanu -. Mi sento di fare un plauso particolare a Lìberos, perché nonostante le tante problematiche legate all’emergenza sanitaria, invece di ridurre gli appuntamenti, andando controtendenza e mettendo in campo una forte volontà di esserci e proseguire l’esperienza intrapresa, è riuscita a portare da tre a quattro le giornate del festival, dal 29 luglio al 1 agosto in aggiunta alle due anteprime a luglio. Siamo orgogliosi di aver stipulato un accordo con Poste Italiane che, credendo nel progetto, realizzerà un Servizio Filatelico Temporaneo con la stampa di cartoline dedicate al festival Liquida”.

L’idea di base, quella che ha generato la scintilla e portato a immaginare e realizzare il festival, è la volontà di indagare il giornalismo e i suoi protagonisti. Ancora le sue trasformazioni, evoluzioni e degenerazioni al passo con lo scorrere dei tempi e l’innovazione, a partire dalla cosiddetta dimensione “liquida” della notizia, quella che caratterizza una informazione sempre più destrutturata e resa liquida (appunto) dall’avvento sempre più preponderante dei nuovi media. Il tutto da raccontare attraverso gli appunti sui taccuini, le pagine dei giornali e le trasmissioni di approfondimento televisivo. Attraverso la produzione letteraria degli stessi giornalisti chiamati a interagire con colleghi e platea raccontandosi – da autori o nella piena essenza della professione – fra presentazioni, laboratori con i ragazzi delle scuole, dibattiti e workshop organizzati ad hoc per Liquida.