L’ipotesi dei nuovi parametri per entrare in zona gialla: cosa rischia la Sardegna

Ancora più di 300 nuovi casi di coronavirus in Sardegna, un decesso

Soglia al 5% nelle terapie intensive e 10% nei ricoveri.

In Italia si va verso un cambio dei parametri che influiranno sulla decisione del colore da assegnare alle regioni e delle relative restrizioni. Il governo sarebbe già al lavoro, sulla base delle indicazioni del Comitato Tecnico Scientifico e dell’Iss per stabilire i nuovi indici.

Secondo la prima ipotesi su cui è concentrato l’esecutivo verrà dato un peso maggiore ai ricoveri, come richiesto da molti governatori. La zona gialla scatterà se una regione supererà il 5% dei posti letto occupati nelle terapie intensive e il 10% di quelli nei reparti ordinari.

La cabina di regia insieme al presidente del Consiglio, Mario Draghi, stanno lavorando anche per estendere l’obbligo Green-pass. Questo passaggio dovrebbe avvenire mercoledì mattina e già nel tardo pomeriggio potrebbe esserci la riunione del Consiglio dei Ministri.

Cosa rischia la Sardegna.

Con questi nuovi parametri la Sardegna dovrebbe essere al riparo da brutte sorprese. Nell’Isola, l’occupazione dei posti letto nei reparti ordinari è al 4%, mentre si abbassa al 2% in quelli in terapia intensiva.

L’attenzione rimane comunque alta in Sardegna soprattutto sulla variante Delta anche se dopo il picco di oltre 200 casi, nel bollettino di oggi in Sardegna cala il numero dei contagi. Ieri il consueto bollettino fornito dell’Unità di crisi regionale parlava di 233 contagi, mentre oggi le positività sono più che dimezzate, con 95 nuovi casi.