Pazienti maltrattati a Ittiri, riprende il processo a Sassari

Uso dell'auto di servizio, assolto l'ex manager dell'Asl di Sassari Giannico

Riprende a Sassari il processo del “Caso Alzheimer”.

Si terrà il prossimo 22 settembre, a Sassari, il processo di secondo grado del “Caso Alzheimer”. Questa mattina in Corte d’Appello, all’apertura del procedimento, il difensore del principale imputato, il neurologo di Ittiri Giuseppe Dore, ha sollevato una serie di eccezioni di incostituzionalità riguardo al processo di primo grado, tutte rigettate.

In primo grado il tribunale aveva condannato il neurologo e il consigliere regionale Antonello Peru, quest’ultimo accusato di aver favorito l’assegnazione di un’ala dell’ospedale di Ittiri al gruppo dell’ex neurologo. Secondo la Procura, la terapia di psiconeuroanalisi ideata da Dore, e applicata nella clinica contro l’Alzheimer, non era efficace e maltrattava i pazienti. Lo scopo era, secondo le accuse, quello di mettere a segno una truffa.

Le pene furono molto più severe di quanto previsto e vennero condannati Marinella D’Onofrio, Massimo Lai e il fisiatra Mario Piredda. Condannati anche il braccio destro di Dore, Salvatore Fadda, Gianfranco Dettori, Maria Giuseppa Irde, Stefania Serra ed Elena Cossu.

Gli imputati sono stati condannati a vario titolo per i reati si associazione a delinquere finalizzata alla truffa, abuso d’ufficio, maltrattamenti, lesioni, sequestro di persona e omicidio colposo.