La Regione commissaria la Casa della Divina Provvidenza di Sassari

La Casa della Divina Provvidenza di Sassari verso il commissariamento

La Regione Sardegna commissaria la Casa della Divina Provvidenza e nomina Giuseppe Ortu come commissario straordinario.

Commissariata la Casa della Divina Provvidenza di Sassari. A decidere in questo senso la Regione Sardegna con la delibera n°23/14 del 22 giugno, consultabile solo da ieri, firmata dalla vicepresidente Alessandra Zedda. Nel documento si dispone lo scioglimento del consiglio di amministrazione della Fondazione e la nomina di Giuseppe Ortu, sardista, ex consigliere comunale e provinciale di Sassari, come commissario straordinario dell’ente. Ortu, si legge nella nota, deve assicurare “la continuità della gestione amministrativa della Fondazione”, verificare “la situazione finanziaria dell’ente e, in particolare, l’entità dei debiti.”

Soprattutto al neo commissario, che dovrà rimanere in carica non più di tre mesi, si chiede di chiarire se esistano ancora le condizioni “per il raggiungimento dello scopo” dell’istituto , in caso contrario, di stabilire se ci siano “i presupposti per la trasformazione o l’estinzione” della Casa. A motivare l’intervento della Regione la comunicazione oltre i termini stabiliti, da parte del CdA, dei bilanci 2018 e 2019, ma senza la vidimazione dell’assemblea dei soci. Una mancanza giustificata con l’emergenza covid, che ha impedito, secondo l’ente, la convocazione in presenza dei componenti, impossibilitata anche da remoto per la “scarsa dimestichezza dei soci con le nuove tecnologie”.

Tutte ragioni che la Zedda respinge ricordando i numerosi solleciti sul tema dell’amministrazione regionale oltre a far presente che, dalla Fondazione, non sono arrivati comunicazioni “nei termini previsti dalle direttive” sulle dimissioni della presidente della Fondazione e sul decesso di uno dei rappresentanti del CdA. Il commissariamento arriva dopo essere stato invocato dai dipendenti della struttura di via Sant’Anna, dal sindacato Csa e dal sindaco di Sassari Campus. Molte le difficoltà attraversate dalla Divina Provvidenza negli ultimi mesi: tra queste la richiesta, lo scorso aprile, di dimissioni degli ospiti, a causa delle difficoltà finanziarie, comunicata per lettera ai parenti e, di recente, la richiesta di licenziamento collettivo di circa 25 lavoratori. Intanto si registra la soddisfazione, a Sassari di Lega e Psd’Az, per la nomina di Ortu mentre il Comune, per adesso, tace.