Scippa un’anziana in centro a Ploaghe, doveva essere ai domiciliari per rapina

Scippa un'anziana in centro a Ploaghe, doveva essere ai domiciliari per rapina

L’uomo è stato nuovamente arrestato.

Doveva essere agli arresti domiciliari invece era in giro a Ploaghe e compiere un altro reato. Questa volta uno scippo ai danni di un’anziana di 80 anni. La donna, mentre percorreva la centrale via Roma con in mano un borsello contenente del denaro e vari effetti personali, è stata avvicinata da un giovane, che è riuscito a strapparle di mano il portafogli e a scappare.

Subito allertati, i carabinieri di Ploaghe, mentre si dirigevano verso il luogo, hanno notato in fuga un giovane e, dopo averlo inseguito, lo hanno bloccato nei pressi della sua abitazione. Subito dopo, i militari hanno raccolto le testimonianze di quanto accaduto, sia dalla vittima che da un testimone che lo hanno riconosciuto. G.A.T. 39 anni, residente a Ploaghe e già noto alle forze dell’ordine è stato quindi arrestato.

Sull’uomo pendeva anche un’ordinanza che disponeva nei suoi confronti gli arresti domiciliari, emessa dal tribunale di Sassari per una rapina commessa il 30 maggio, in danno di un altro cittadino ploaghese di 72 anni.

Quella sera, l’uomo, con una scusa, si è introdotto all’interno dell’abitazione dell’anziano e, con un pretesto, rimasto solo all’interno del soggiorno dell’abitazione, aveva rubato il suo portafogli custodito all’interno di un borsello. L’anziano, accortosi di quanto accaduto, nel tentativo di recuperare il portafogli ha cercato di bloccare il malvivente, ma il giovane ha reagito spintonando l’anziano contro un muro.

L’arresto in flagranza è stato convalidato dal Tribunale di Sassari, che ha disposto per l’uomo i domiciliari.