L’impresa di Livio Pomoni, che ha circumnavigato a nuoto l’Asinara, soddisfazione di Comune e Parco

L'impresa di Livio Pomoni, che ha circumnavigato a nuoto l'Asinara, soddisfazione di Comune e Parco

Il nuotatore Pomoni ha circumnavigato l’Asinara.

“L’Asinara è lo scenario ideale per eventi sportivi internazionali: imprese come quella di Livio Pomponi possono rilanciare il territorio come location di manifestazioni che lo promuovano attirando nuovi flussi turistici nel rispetto della tutela ambientale”. Così l’assessora della Cultura del Comune di Porto Torres, Maria Bastiana Cocco, spiega perché l’amministrazione comunale ha sostenuto “Asinara Stile Libero”. Il progetto dell’associazione culturale Bulls and Buffaloes fondava sul tentativo del nuotatore algherese Livio Pomponi di completare il giro a nuoto intorno all’Asinara entro 48 ore anche per valorizzare «la Sardegna come scelta di vita e di libertà».

Nella sede del Parco nazionale dell’Asinara, Comune e Parco hanno reso onore a Livio Pomponi, che tra il 18 e il 19 settembre ha circumnavigato l’isola in 13 ore e 49 minuti, coprendo a nuoto una distanza di 42 chilometri. Con l’assessora Cocco, a congratularsi con lui sono stati la commissaria del Parco, Gabriela Scanu, e il direttore, Vittorio Gazale. Il loro supporto autorizzativo, logistico e operativo ha permesso la realizzazione della manifestazione. “Nonostante i condizionamenti legati alle variazioni meteorologiche, che hanno dettato i tempi, si è portata a casa quest’impresa, che ha permesso di puntare ancora una volta i riflettori sull’isola”, ha detto Gazale.

“Livio Pomponi conferma che passione, forza, tenacia e perseveranza permettono di raggiungere ogni obiettivo”, ha rimarcato Gabriela Scanu. “Questa per noi è un’impresa bella e di successo, ma anche una sfida affascinante e coerente con quella che abbiamo in mente per l’Asinara – aggiunge – a lungo identificata come luogo di reclusione, l’isola vuole rappresentare la libertà e il benessere prodotti dal contatto costante con l’ambiente”.

E “il Parco intende consentire all’Asinara, con la collaborazione degli altri enti, di riscattarsi e diventare un riferimento per chi ama la natura”, conclude. “A prescindere dalla soddisfazione personale, conta che siano passati valori fondamentali nello sport e nella vita, come il sacrificio e la voglia di andare oltre le barriere fisiche e mentali, proprio come quando nuoti in mare aperto”, ha detto Livio Pomponi.