Dopo l’aumento dei contagi la Sardegna indicata tra le regioni che rischiano la zona gialla

Dopo l'aumento dei contagi la Sardegna indicata tra le regioni che rischiano la zona gialla

La Sardegna verso la zona gialla.

Risalgono i contagi in Sardegna e secondo le indiscrezioni che trapelano dal ministero della Salute si prospetta l’ingresso in zona gialla. Nella penisola la variante Delta rappresenta il 30% dei contagi e per il mese di agosto si potrebbe arrivare al 70%. Nell’isola la situazione non è affatto migliore e l’aumento è evidente. Solo oggi si sono registrati 135 casi, in prevalenza nella Città Metropolitana di Cagliari.

I parametri.

Fra i parametri sotto la lente del ministero della Salute e del Comitato Tecnico Scientifico vi è l’incidenza dell’ex variante indiana. Qualora venissero superati i 50 casi ogni 100mila abitanti si passa in zona gialla e la Sardegna è già a quota 21. Un’ulteriore campanello d’allarme è costituito dal combinato di contagi dettato dall’indice Rt, il superamento del 40% del tasso di occupazione delle aree mediche e del 30% quello delle terapie intensive.

Il pressing dei governatori.

I presidenti delle Regioni chiedono al governo di non considerare il numero dei contagiati, ma quello dei ricoverati. L’esecutivo in cambio chiede di aumentare il numero dei tamponi effettuati, almeno 150 test diagnostici ogni 100mila abitanti, e che si facesse un tracciamento molto più accurato dei casi.

Il bollettino.

Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale sono stati riportati 135 nuovi casi di coronavirus. Ieri nel consueto bollettino i contagiati erano 86, mentre lunedì si registravano 51 nuove positività. Un incremento che sta aprendo le porte dell’isola all’ingresso verso la zona gialla.