Incidente mortale in via Millelire: “Serve più sicurezza sulle strade di Sassari”

Incidente mortale in via Millelire: "Serve più sicurezza sulle strade di Sassari"

Dopo l’ultimo incidente mortale a Sassari si chiede più sicurezza.

Dopo l’ultimo incidente mortale a avvenuto tra la notte di sabato e domenica, in cui hanno perso la vita Proto Sechi e Eriberto Atzori, Fratelli d’Italia torna a chiedere più sicurezza sulle strade di Sassari.

“Ancora una volta, ci vediamo costretti, dopo l’ennesimo incidente mortale,  ad intervenire e chiedere un intervento immediato su un tratto di strada pericolosissimo come via Domenico Millelire – ha commentato Pietro Pedoni di Fratelli d’Italia Sassari – per il quale già avevamo chiesto l’immediata messa in sicurezza soprattutto del tratto di strada tra via Li Punti e Monte Tignosu, che rappresenta uno dei punti più critici della SP ex 131.

“Nello specifico ricordiamo che era stato approvato all’unanimità anche un ordine del giorno – continua Pedoni – presentato dal consigliere Andria dopo una raccolta firme dei residenti e che, successivamente alle richieste di intervento urgenti, l’amministrazione Provinciale aveva previsto uno stanziamento di 450mila euro di fondi propri, destinati alla sistemazione delle barriere lungo l’estesa provinciale ex 131 e la materializzazione delle barriere spartitraffico presso Li Punti”.

“Chiediamo pertanto con forza e determinazione, un intervento immediato e urgente, per la realizzazione di quanto previsto dalla delibera Provinciale e dall’amministrazione comunale, anche con  un impianto di illuminazione adeguato e con impianti semaforici per l’attraversamento in sicurezza, al netto dei lavori previsti nei sottopassi già esistenti, per la messa in sicurezza definitiva di un tratto di strada pericoloso che ha visto ormai troppe vite spezzate e che merita un intervento ormai non più rinviabile”, conclude Pedoni.