Sassari entra nella Rete delle Città dell’Olio

Sassari entra nella Rete delle Città dell'Olio

Sassari città dell’olio.

Anche Sassari entra a far parte delle Città dell’Olio. Salgono così a 39 i Comuni sardi attualmente soci della rete nazionale che raccoglie 381 enti pubblici impegnati nella promozione dell’olio extravergine di oliva e nella valorizzazione del patrimonio olivicolo italiano, con più di 25 anni di attività alle spalle.

“Con gratitudine mi rivolgo al sindaco di Sassari che aderendo alla nostra associazione ha dimostrato di credere in un percorso condiviso improntato alla promozione del turismo dell’olio, al recupero dei terreni abbandonati attraverso l’agricoltura sociale, due degli assets strategici del nostro impegno. Questa scelta va nella chiara direzione del voler dare un valido supporto ai produttori locali attraverso la partecipazione alle tante iniziative che, come Associazione, realizziamo per promuovere l’olio EVO”, ha dichiarato Michele Sonnessa, Presidente delle Città dell’Olio.  

“Una adesione importante – quella del Comune di Sassari – che ci riempie di orgoglio – afferma la Coordinatrice regionale Maura Boi – la nostra terra si conferma vocata all’olivicoltura e destinata ad essere protagonista di nuove progettualità legate al turismo dell’olio. Facendo squadra sono certa che raggiungeremo ambiziosi traguardi”.

“La Sardegna ha un ruolo di primo piano all’interno dell’Associazione Città dell’Olio e lo confermano i numeri ma ancora di più progettualità che stiamo mettendo in campo – commenta Giovanni Antonio Sechi Vicepresidente delle Città dell’Olio – le nostre Città non solo partecipano ai grandi eventi promossi dalla rete nazionale ma ne organizzano altri altrettanto importanti e di successo. Questo è il segnale di un rinnovato protagonismo e del fatto che la nostra scommessa sul turismo dell’olio è vinta