A Sennori una serata tra astronomia, archeologia e Dante

A Sennori una serata tra astronomia, archeologia e Dante

Il terzo appuntamento di Aspettando Calici di Stelle a Sennori.

Domani, 30 luglio, a Sennori il terzo appuntamento con “Aspettando Calici di Stelle” unisce Dante, l’astronomia e l’archeologia, in una serata incorniciata dagli stand per le degustazioni dei migliori vini di Sennori.

L’evento di domani, che si svolgerà in collaborazione con il “Festival Un’isola in Rete”, offrirà due momenti: dalle 20 e 30 il fisico Gian Nicola Cabizza presenterà la mostra pannellare “E quindi uscimmo a rivedere le stelle”, allestita nella Sala consiliare del Municipio. La mostra, realizzata con il coinvolgimento di studenti e docenti del liceo scientifico Paglietti di Porto Torres, si compone di 21 pannelli che raccolgono i più rilevanti passaggi sull’astronomia nella letteratura dantesca. I pannelli sono proposti in versione bilingue, italiano-sardo, con traduzioni curate da Giovanni Muroni.

La serata proseguirà alle Domus de Janas del Beneficio dell’Orto parrocchiale, di fronte al Municipio, con la proiezione del documentario “Cosmografia dantesca” nato da un progetto di Gian Nicola Cabizza in collaborazione con il grafico video Nicola Bonomo. A seguire si potranno ammirare le stelle e i pianeti grazie ai telescopi messi a disposizione dall’Associazione Astronomica Turritana. Il tutto sarà accompagnato dalla degustazione dei vini d’eccellenza delle Cantine sennoresi Fara e Mode. “Garantendo e vigilando sul rispetto delle norme a contrasto della diffusione del coronavirus, l’Amministrazione comunale non ha voluto rinunciare a offrire ai sennoresi e ai visitatori le splendide serate di Aspettando Calici di Stelle, una manifestazione che coniuga cultura, tradizioni e promozione del territorio e dei migliori prodotti enogastronomici locali”, spiega l’assessora alla Cultura, Elena Cornalis.

Nel rispetto delle norme anti covid la presenza del pubblico sarà contingentata a un massimo di 100 persone.