I vini di Sennori trionfano al Concorso enologico Città del Vino

I vini di Sennori trionfano al Concorso enologico Città del Vino

Le cantine di Sennori al concorso Città del Vino.

I vini di Sennori conquistano le giurie della 19ᵃ edizione del “Concorso Enologico Internazionale Città del Vino” portando in Romangia un ricco bottino di quattro medaglie d’oro. Ad aggiudicarsele sono la Cantina Fara, premiata per i vini “Oro Passito”, “Zirone” e il vermentino “Jolzi”, e la Cantina Sorres, con il cannonau “Pensamentu”.

Il concorso si è svolto dal 20 al 23 maggio 2021 al Castello di Levizzano di Castelvetro di Modena, dove dodici commissioni di giudici internazionali hanno valutato gli oltre 1200 vini iscritti e premiato i migliori con 26 Gran Medaglie d’oro e 333 Medaglie d’oro, in base a un rigido regolamento che assegna riconoscimenti alle bottiglie che raccolgono un punteggio minimo di 85/100 per le Medaglie d’oro e di 92/100 per le Gran Medaglie d’oro. Per la Cantina Fara “Oro Passito” ha avuto un punteggio di 88,6, “Zirone” 87,2 e Jolzi 86,8; per la Cantina Sorres, il cannonau “Pensamentu” è stato valutato 87.

Al Concorso hanno partecipato in tutto quattro Cantine sennoresi, che hanno ricevuto un contributo di 300 euro ciascuna dal Comune, quale sostegno per rappresentare al meglio i prodotti locali alla manifestazione.

“Le Cantine Sorres e Fara hanno raggiunto davvero un ottimo risultato, e noi siamo orgogliosi e contenti di aver creduto nel valore dei nostri produttori, convinti che dar loro sostegno e credere nell’alto spessore dei loro vini possa contribuire a far crescere il territorio tutto”, commenta l’assessora comunale alle Attività produttive e Agricoltura, Elena Cornalis.

“Sennori, come città socia della Città del Vino e io personalmente come referente nord Sardegna all’interno dell’associazione, mi sento di dover ringraziare gli organizzatori e i responsabili di Città del Vino che ci fornisce ottimi spunti per dare vigore alle nostre cantine. Queste iniziative e gli eccellenti risultati raggiunti dai produttori della Romangia, non fanno altro che accrescere le potenzialità dell’enoturismo nel nostro territorio. Per questo le nostre azioni sono state e continueranno ad avere come obiettivo la promozione e l’espansione delle produzioni vitivinicole della Romangia, certi che possano essere la carta giusta da giocarsi per far crescere il turismo enogastronomico“.