Il totem dedicato alla Madonna a Sorso devastato dai vandali

Il totem dedicato alla Madonna a Sorso devastato dai vandali

Atto sacrilego a Sorso.

Atto sacrilego ai danni di uno dei totem dedicato alla Madonna “Noli Me Tollere” a Sorso. In via Cappuccini, a pochi passi dalla chiesetta di Santa Croce, la raffigurazione mariana è stata devastata.

L’atto vandalico.

Ignoti, probabilmente nella notte, hanno colpito la raffigurazione mariana inaugurata lo scorso 24 maggio. L’installazione di più totem nell’area circostante il santuario era stata fortemente voluta dalla Fondazione Banco di Sardegna, Comune di Sorso, Frati minori cappuccini e associazione Beata Vergine “Noli Me Tollere“. Sulla vicenda indagano le forze dell’ordine.

L’apparizione della Madonna a Sorso

Secondo la tradizione, il 26 maggio 1208 la Madonna apparve ad un muto che si aggirava per la spiaggia di Sorso. La Vergine chiese al muto di tornare subito in paese e di riferire al sacerdote e ai compaesani di andare a prenderla, offrendo loro in cambio protezione dai pirati saraceni. Il povero uomo, disperato per non sapere come fare a comunicare fu incoraggiato dalla Madonna e, arrivato in paese, ebbe inaspettatamente il dono della parola. Il popolo gridò al miracolo e, una volta accorso nel luogo indicato dall’uomo al posto dell’apparizione trovò una statua della Madonna.

Il simulacro venne trasportato in paese, nella parrocchia di san Pantaleo. La mattina seguente però la statua scomparve. Venne cercata dappertutto per giorni, finché non venne ritrovata in cima a un albero d’olivo. Fu riportata in chiesa, ma la notte sparì di nuovo e fu ritrovata sulla medesima pianta, ma stavolta sotto i piedi un pietra sulla quale erano incise le parole “Noli Me Tollere“. Il popolo comprese che quello dovesse essere il luogo dove voleva esser venerata.